Iscriviti alla newsletter

    I Cristiani e la pace. Un libro di Mounier

    C'è un libro, ripubblicato in questi giorni, che colpisce profondamente. Colpisce per l’acutezza d’argomentazioni del suo autore (si parla del rapporto tra i Cristiani e la guerra), per la lucidità nel prevedere gli eventi futuri (come una conferenza di pace alimenti un conflitto) e, soprattutto, per essere una guida nell’affrontare l'invasione dell'Ucraina. Sembra di leggere parole di queste ore, perché la costruzione logica e la forza morale si adattano perfettamente alle vicende di oggi: abbiamo davanti l’errore commesso in quegli anni e l’errore, analogo, che si potrebbe commettere oggi. Ma andiamo con ordine.

    Il bivio del populismo di fronte a Putin

    L'invasione dell'Ucraina ha portato ogni forza politica che s’ispira al populismo a un bivio inequivocabile. Un bivio a cui i suoi leader non riescono a sfuggire, non perché "ricattati" dall'Atlantismo o dalla Nato, ma per le ragioni stesse che fondano il populismo. È inequivocabile perché, in qualche modo, inatteso forse, chiarificatore senz'altro, l'invasione ha portato il populismo, a seconda della prospettiva, al suo massimo compimento o al suo vicolo cieco.

    Il ruolo di Roma

    Ci chiediamo: è possibile anche solo pensare alla modernizzazione del Paese, senza pensare a Roma? è possibile restituire alla prossima generazione un Paese migliore (tema cruciale del PNRR) senza pensare a Roma? è possibile la digitalizzazione di settori come cultura e turismo, senza pensare a Roma?

    Roma e il Metaverso

    Accostare Roma al Metaverso può sembrare una bizzarria; o uno slancio della fantasia, un andare oltre la siepe che ci tiene inchiodati al già visto, al già detto e al già fatto. Sicuramente non di fantasia parliamo, ma semplicemente del mondo nuovo che è già cominciato; e che prima o poi si occuperà di noi, anche se noi non ci occuperemo di lui.

    Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. Continuando la navigazione su questo sito accetti che vengano utilizzati.